Quante gocce di CBD per combattere l’emicrania: come calcolare il dosaggio giusto

Il CBD, o cannabidiolo, è un composto estratto dalla pianta di cannabis che sta guadagnando sempre più popolarità grazie ai suoi numerosi benefici per la salute. Tra questi, sembra offrire un valido aiuto a chi soffre di emicrania, ma quali sono le gocce di CBD per emicrania che si possono assumere? In questo articolo cercheremo di chiarire dubbi e domande sul dosaggio del CBD in caso di mal di testa.

Dosaggio del CBD: fatti e consigli utili

Prima di addentrarsi nel calcolo delle gocce di CBD da assumere per l’emicrania, occorre fare una premessa importante: non esiste un dosaggio universale che sia adatto a tutti gli individui. Ciò dipende dal fatto che ognuno di noi ha una diversa sensibilità al CBD, oltre a fattori come peso, età e condizioni fisiche generali. Pertanto, prima di iniziare il trattamento con l’olio di CBD, è consigliabile consultare il proprio medico curante per avere indicazioni più precise.

Calcolare il dosaggio di CBD per l’emicrania

Una volta stabilito che non esiste un dosaggio universale di CBD, è possibile provare a individuare quello più adatto alle proprie esigenze seguendo alcune linee guida.

1. Iniziare con un basso dosaggio

Il consiglio di base per chi si avvicina al CBD è quello di iniziare con un dosaggio basso, al fine di capire come il proprio organismo reagisce al cannabidiolo. Si può iniziare, ad esempio, assumendo 5-10 mg di CBD al giorno e osservare gli effetti sul mal di testa.

Sullo stesso tema:  Zamnesia recensioni: il sito per gli appassionati di prodotti alternativi

2. Aumentare gradualmente il dosaggio

Se non si riscontrano significativi miglioramenti dell’emicrania con il dosaggio iniziale, è possibile aumentare progressivamente la quantità di CBD assunta ogni due o tre giorni, fino a trovare il giusto equilibrio tra effetti benefici e assenza di effetti collaterali.

3. Tenere conto del peso corporeo

Un altro fattore che può influenzare la scelta del dosaggio è il peso corporeo, poiché le persone con un peso maggiore potrebbero necessitare di una quantità maggiore di CBD per ottenere gli stessi risultati. Una regola generale prevede di assumere circa 1-6 mg di CBD per ogni 5 kg di peso.

Come agisce il CBD sull’emicrania?

Per comprendere meglio perché il CBD possa essere utile nel trattamento dell’emicrania, è importante sapere come agisce questo composto sul nostro organismo.

Il sistema endocannabinoide

Il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide (SEC), una rete complessa di recettori e neurotrasmettitori che regola diverse funzioni fisiologiche, tra cui la percezione del dolore. Il SEC è presente in tutto l’organismo, ma ha una particolare abbondanza nel cervello, dove sembra svolgere un ruolo importante nella genesi dell’emicrania.

L’effetto antinfiammatorio e analgesico del CBD

Gli studi scientifici hanno dimostrato che il CBD possiede proprietà antinfiammatorie e analgesiche, che possono contribuire a ridurre la sensazione di dolore associata all’emicrania. Inoltre, il CBD sembra agire anche sulle cause scatenanti del mal di testa, come lo stress, l’ansia e i disturbi del sonno.

Consigli pratici per l’assunzione di gocce di CBD per l’emicrania

Oltre al dosaggio, è importante prestare attenzione ad alcuni aspetti pratici relativi all’assunzione di gocce di CBD per l’emicrania.

  • Scegliere prodotti di qualità: È fondamentale scegliere oli di CBD provenienti da coltivazioni biologiche e certificati, per garantirne la purezza e l’efficacia.
  • Tenere conto della concentrazione di CBD: Gli oli di CBD sono disponibili in diverse concentrazioni, generalmente espresse in milligrammi (mg) per millilitro (ml). Più è alta la concentrazione, più gocce saranno necessarie per raggiungere il dosaggio desiderato.
  • Assumere il CBD in modo sublinguale: Il metodo più efficace per assumere le gocce di CBD è quello di posizionarle sotto la lingua e tenerle in bocca per circa 60 secondi prima di deglutire. Ciò consente al CBD di essere assorbito direttamente dalle mucose orali, garantendo un effetto più rapido e duraturo.
Sullo stesso tema:  A cosa serve l'olio di cannabis? Le sue sorprendenti proprietà

In conclusione, l’assunzione di gocce di CBD può rappresentare un valido aiuto per chi soffre di emicrania, purché si segua un approccio graduale e personalizzato nella scelta del dosaggio e si presti attenzione alla qualità del prodotto scelto.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts