Ritirato l’emendamento del governo italiano sulla stretta alla cannabis

Ritirato l'emendamento del governo italiano sulla stretta alla cannabis

Il governo italiano ha recentemente ritirato un emendamento che prevedeva una maggiore regolamentazione della cosiddetta cannabis light. In particolare, l’emendamento mirava a introdurre un regime di tassazione e autorizzazione simile a quello dei derivati del tabacco per la commercializzazione e vendita di prodotti contenenti canapa coltivata.

Tassazione e restrizioni sulla vendita ai minori

L’emendamento alla delega fiscale, depositato in commissione Finanze alla Camera, prevedeva tra le altre cose:

  • Un nuovo regime di tassazione per la cannabis light simile a quello applicato alle sigarette;
  • Un regime di autorizzazione gestito dall’Agenzia delle Dogane per la commercializzazione di tali prodotti;
  • Una restrizione sulla vendita agli individui sotto i 18 anni.

Nonostante queste misure fossero state pensate per garantire una maggiore sicurezza e controllo del mercato della cannabis light, il governo ha deciso di ritirare l’emendamento a seguito di alcune perplessità e preoccupazioni sollevate da diversi soggetti, tra cui il MOIGE (Movimento Italiano Genitori).

Le preoccupazioni del MOIGE e la decisione del governo di ritirare l’emendamento

Il MOIGE si è detto molto preoccupato per il fatto che l’emendamento sia stato ritirato a poche ore dalla sua presentazione. In una nota, il Movimento ha dichiarato di essere perplesso e preoccupato per questa decisione, ritenendo che l’emendamento fosse chiaramente mirato a garantire una maggiore regolamentazione del settore.

Il motivo principale alla base della decisione di ritirare l’emendamento sembra essere legato alle possibili conseguenze negative che la stretta sulla cannabis light avrebbe potuto avere sul mercato e sui consumatori. Tuttavia, non è ancora chiaro se il governo intenda presentare in futuro una nuova proposta di emendamento o se decida di abbandonare definitivamente l’idea di una maggiore regolamentazione della cannabis light.

Sullo stesso tema:  I paesi del mondo dove la Cannabis è Legale

Le reazioni delle forze politiche

La decisione del governo di ritirare l’emendamento sulla stretta alla cannabis ha suscitato diverse reazioni tra le forze politiche italiane. Da un lato, alcuni esponenti dei Verdi e della sinistra hanno chiesto di introdurre il monopolio di Stato sulla cannabis light, al fine di garantire un maggior controllo e sicurezza nella produzione e vendita di questi prodotti. Dall’altro, alcuni parlamentari del centrodestra si sono detti contrari a qualsiasi forma di liberalizzazione della cannabis, anche in versione light, sostenendo che ciò potrebbe favorire il consumo di droghe più pesanti e dannose per la salute.

Il futuro della cannabis light in Italia

Nonostante il ritiro dell’emendamento, la questione della regolamentazione della cannabis light in Italia rimane aperta e dibattuta. In un contesto in cui diversi paesi stanno valutando o adottando misure per la legalizzazione e regolamentazione della cannabis a scopo ricreativo o terapeutico, è probabile che il governo italiano debba affrontare nuovamente questa tematica in futuro.

Per ora, gli operatori del settore e i consumatori di cannabis light possono continuare a svolgere le loro attività senza ulteriori restrizioni o tassazioni, ma sarà importante seguire l’evoluzione del dibattito politico e normativo per comprendere se e come le regole del mercato potrebbero cambiare nel prossimo futuro.

Fonti

  • https://www.nanotv.it/2023/06/22/politica-marcia-indietro-del-governo-ritirato-lemendamento-sulla-stretta-alla-cannabis-legale/
  • https://ilsalvagente.it/2023/06/21/cannabis-light-retromarcia-del-governo-salta-la-regolamentazione/
  • https://www.tag24.it/675083-cannabis-light-governo-rimanda-stretta-reazioni/
  • https://roccarainola.net/cannabis-light-salta-la-stretta-il-governo-ritira-lemendamento-corriere-it/
  • https://www.corriere.it/politica/23_giugno_21/cannabis-light-salta-stretta-governo-ritira-l-emendamento-aa7f6bbe-1038-11ee-bc1e-12c4aba14b7e.shtml
Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts